Ternate e Varano Borghi guardano alla fusione tra i due comuni entro il 2019

Ternate e Varano Borghi diventeranno un unico comune? Questo l’obiettivo della road map sottoscritta in un protocollo dai due enti lo scorso 27 giugno.

I sindaci Enzo Grieco e Rosario Calcagno hanno firmato l’intesa finalizzata agli atti propedeutici alla fusione tra i due enti locali, un’intesa che è stata presa d’atto e condivisa nel Consiglio Comunale di Ternate, nella seduta del 30 giugno e che sarà portato nel prossimo Consiglio Comunale di Varano Borghi.

A Ternate, in Consiglio, il documento è già stato approvato con il voto di tutti Consiglieri Comunali di maggioranza (Grieco Enzo, Sella Vittorino, Visinoni Luigi, Dandolfi Massimo, Coco Vladimiro, Lardo Egidio, Baldracchi Arianna, Villa Alessandro) e di un Consigliere di minoranza (Vasconi Franco). Si è astenuto il Consigliere di minoranza Mormone Salvatore. (Assente giustificato il consigliere di minoranza Legnani Roberto).

I due Sindaci si occuperanno di guidare il processo prima di studio, poi di eventuale attuazione coordinando le azioni di comunicazione e sensibilizzare di cittadini e comunità locali.

La redazione dello studio definirà un progetto dettagliato, in grado di mettere in evidenza gli aspetti della fusione. La prima fase, che dovrà concludersi entro 5 mesi dalla sottoscrizione del protocollo, si approfondiranno gli aspetti tecnici sino alla definizione di un documento che definisca la fattibilità della fusione e delineando quindi il percorso da attivare.

Le due amministrazioni, esaminata tale relazione e valutati i ritorni di cittadini, associazioni e portatori di interesse coinvolti decideranno, entro il 31/12/2017, se attivare la procedura amministrativa finalizzata alla fusione e disciplinata dalla L.R. 29/2006.

Con la sottoscrizione di questo documento le Amministrazione di Ternate e Varano Borghi, si impegnano a predisporre uno studio per approfondire la possibilità di giungere alla fusione tra gli enti con istituzione del nuovo comune nel più breve tempo possibile, comunque entro il 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *